Vai a sottomenu e altri contenuti

Il falò di Sant'Antonio


Il suggestivo rito del falò si ripete ogni anno il 16 gennaio, vigilia della festa in onore di S. Antonio Abate.

Nel sagrato della chiesetta dedicata al Santo alle cinque del pomeriggio viene acceso l'imponente falò fatto soprattutto con rami di quercia da sughero e avente in cima una piccola croce di frasche ornata da alcune arance. Subito dopo si da fuoco agli altri falò sparsi in tutti i rioni del paese.

I fedeli effettuano dei giri intorno al falò per tre volte in senso orario e altre tre volte in senso antiorario tenendo in mano bottiglie di buon vino locale e ''sas cogones'', la caratteristica focaccia fatta con ''su pistiddu'' di sapa che, una volta benedetti, vengono offerti a tutti i fedeli e ai numerosi ospiti.

'Sa cogone' 'Sa cogone'

torna all'inizio del contenuto
torna all'inizio del contenuto